Top

Oramai è ufficiale.

La Pasqua e la Pasquetta 2020, si passeranno in casa.

Niente gite fuori porta o weekend in giro per l’Europa, con famiglia a seguito.

Da un po’ di tempo c’era la sensazione che questo succedesse e permettetemi di dire, per fortuna che hanno deciso in questo senso.

La situazione legata al CORONAVIRUS, stà evolvendo in maniera leggermente migliore rispetto alle settimane passate, ma siamo ancora in piena emergenza.

Anche la nostra famiglia travel2travelera solita fare un viaggio in questo periodo, per esempio l’anno scorso siamo andati in Valle d’Aosta e abbiamo visitato la città d’Aostai Castelli Valdostani e lo spettacolare SkyWay Montebianco.

Vabbè ragazzi, forza e coraggio, quest’anno ci facciamo la Pasqua a casa: sarà una situazione molto strana, ma, son convinto, riusciremo ad inventarci qualcosa di speciale.

 

La Pasqua delle passeggiate

La Pasqua dei pic nic

La Pasquetta delle gite fuori porta

Incontrarsi, giocare e godersi la famiglia nei prati in fiore

Quest’anno nulla di tutto questo

Sarà la Pasqua del Coronavirus

Da passare tra il salotto e la cucina

SI RESTA A CASA

Dunque, cari amici, quest’anno non si parte, siamo obbligati a restare tra le mura domestiche.

Niente aerei, treni, navi e auto (a dirla tutta nemmeno le gambe) per raggiungere località di vacanza.

Qualcuno potrebbe dirmi: vabbè non è una cosa così grave!

In effetti è vero, scoprire il mondo non è vitale, ma per viaggiatori come noi, è molto dura.

Per persone che sono abituate a visitare paesi e città nuove, è una restrizione che fa male.

Siamo sinceri: la cosa peggiore e irreparabile di questa brutta storia, è che il virus si è portato via molte persone, giovani e vecchie.

Il resto viene messo in  secondo piano, poi ognuno di noi ha determinati desideri e bisogni che fa durante la vita.

C’è chi ama viaggiare, chi ama fare jogging, chi ama portare il cane a spasso, i bambini che hanno diritto ad andare al parco giochi: ognuno di noi, in questo periodo, deve rinunciare a qualcosa.

Mi rammarica molto il fatto che c’è gente invece, che antepone i propri interessi al bene comune: mi riferisco a quelle persone molto egoiste, che scorrazzano ancora in giro senza avere il permesso.

Questa epidemia ci stà insegnando ad avere rispetto e attenzione per gli altri, soprattutto per quelli che hanno più bisogno: una sparuta quantità di persone stupide potrebbero però rovinare tutto e questo non è affatto corretto!

Una cosa è certa: questa Pasqua resterà sicuramente nelle nostri menti e nei libri di storia.

COSA FARE A PASQUA

Che si fa a Pasqua?

Se il tempo fosse bello, stiamo già pensando di passare le giornate sul balcone.

Stiamo progettando di trasformare le stanze di casa come nuove mete da raggiungere.

Fate lavorare la fantasia, quella dei bambini è super, cercate di creare un’itinerario tra cucina, salotto e camere da letto.

Diciamo che noi abbiamo già fatto il giro del mondo per ben due volte!

Trasformate il balcone in un soffice prato per fare un pic nic.

Trasformate il divano in sedili di un’aereo intercontinentale.

Trasformate la vostra sala da pranzo in un agriturismo immerso nei boschi.

Mettetevi ai fornelli e preparate torte e leccornie varie, almeno vi regaleranno un sorriso.

Certo, non esagerate altrimenti anziché il tampone del Covid19, vi faranno il test della glicemia!

Coraggio tirate fuori le idee e sarete felici!

CONCLUSIONI

Di sicuro si passeranno dei giorni per forza insieme a tutta la famiglia!

Questa è un’ottima occasione, perché a volte non è possibile essere seduti ad un tavolo tutti insieme.

Sono convinto, che anche nelle peggiori tragedie, qualcosa di positivo si possa trovare: stare insieme ai propri cari non credete che sia una cosa positiva?

E’ normale avere il desiderio di uscire all’aria aperta, tra i boschi, in città, mare o al lago.

Ora però la cosa più importante e non permettere al virus di contagiare altre persone e quindi STATE A CASA!

Per concludere Vi auguriamo di trascorrere, per forza di causa maggiore, una Pasqua particolare con tutta la vostra famiglia.

Qualche tradizione si può rispettare perché mangiare la Colomba o l’Uovo di Pasqua, bè quello si riesce a fare anche a casa.

Mamma cucinerà degli ottimi piatti e toglierà dall’armadio il servizio per le occasioni speciali, Papà stapperà una bottiglia di vino.

Ma con tutti i morti che ci sono stati, è giusto festeggiare?

Ci spiace molte per le migliaia di persone che sono decedute, è uno strazio quotidiano sentire il bollettino dei morti.

Noi non festeggeremo infatti , ma ringraziamo la fortuna di essere ancora tutti insieme!

Di questi tempi non è affatto scontato.

La sera trasformate il salotto in un cinema, un gran bel film chiuderà la giornata. (ecco la nostra proposta)

post a comment

Instagram
[instagram-feed]